E-commerce: ecco le aziende più digital in Italia secondo CRIF

Il commercio elettronico sembra giovare alle aziende e non conoscere la crisi dei consumi, un’analisi di Crif delinea il profilo delle aziende più attive nel nostro Paese.

Il settore dell’e-commerce prosegue il suo trend positivo intrapreso con la pandemia, utilizzato ormai in larga scala da imprese e consumatori.

Nel 2022 infatti gli acquisti online sono stimati in crescita del 14% pari a 45,9 miliardi di euro contro i 27 miliardi del 2018. (fonte: Osservatorio eCommerce B2C Netcomm – School of Management del Politecnico di Milano). 

La recente analisi della piattaforma di marketing intelligence di CRIF– basata sui dati provenienti da fonti pubbliche relativi a 6 milioni di compagnie, dati di crawling di siti web aziendali e oltre 25 score analytics- ha permesso di tracciare il profilo delle aziende più digital in Italia, che sono oltre 70 mila e sono costituite perlopiù da società di capitali (53,6% del totale).

Commercio elettronico: una realtà in continua crescita.

Sono proprio le aziende che vendono online, secondo l’analisi di CRIF, a risentire meno della crisi degli ultimi anni, infatti almeno il 31% delle società di capitali ha registrato un aumento di fatturato e la crescita ha riguardato anche il numero di dipendenti nel 30% dei casi.

 

Sono soprattutto aziende di piccole dimensioni con un fatturato che quasi nel 90% dei casi è inferiore ai 5 milioni di euro, nell’80% dei casi hanno meno di 10 dipendenti  e meno di 5 nel 64% del totale.

 

Il settore di appartenenza prevalente è quello del commercio all’ingrosso e al dettaglio (51,7% del totale), seguito dalle attività manifatturiere (17,5%), agricoltura (5%), servizi di informazione e comunicazione (4,6%) e attività dei servizi di alloggio e ristorazione (3,5%).

La regione che svetta in classifica per Il commercio elettronico è la Lombardia (18% sul totale), seguita dal Lazio (9,9%), dalla Campania (9,5%), Veneto (8,8%) ed Emilia Romagna (8,4%).

REGIONE% DI AZIENDE
LOMBARDIA18%
LAZIO9,9%
CAMPANIA9,5%
VENETO 8,8%
EMILIA ROMAGNA8,4%
TOSCANA7,6%
PIEMONTE7%
SICILIA6,3%
PUGLIA6,1%
MARCHE3,3%
CALABRIA2,3%
ABRUZZO2,2%
LIGURIA2,1%
UMBRIA1,9%
TRENTINO – ALTO ADIGE1,8%
SARDEGNA1,8%
FRIULI – VENEZIA GIULIA1,7%
BASILICATA0,8%
MOLISE0,4%
VALLE D’AOSTA0,2%
TOTALE100%

Fonte: analisi CRIF su piattaforma Margò

Aziende sempre più innovative ed affidabili

É inoltre importante sottolineare come, da elaborazioni CRIBIS, societá del gruppo Crif, le aziende che puntano all’ e commerce siano anche le più virtuose per quanto riguarda la rischiositá commerciale, con una percentuale di livello di rischio molto basso che è quasi il doppio rispetto alla media italiana (16,7% del totale vs 9%).

Infine, andando ad analizzare le imprese attive nel nostro paese sulla base di due score proprietari di Crif, che misurano la digital attitude e l’innovazione,  il dato è evidente: rispettivamente nel 74%  e nel 72,3% dei casi vi è un grado elevato di digitalizzazione ed innovazione.

“L’identikit delle aziende italiane che oggi vendono online evidenzia delle caratteristiche di minor rischiosità commerciale ed elevato livello di innovazione; segnali positivi che danno fiducia anche per quanto riguarda la capacità di queste imprese di fronteggiare una situazione economica e geopolitica ancora difficile e incerta. 

Nel contesto del PNRR, lo sviluppo del commercio elettronico delle PMI in Paesi esteri (e-commerce) costituisce uno dei titoli degli strumenti finanziari previsti dal Piano, con contributi a fondo perduto fino al 40% per lo sviluppo piattaforme di e-commerce e di web marketing. E i player finanziari possono giocare un ruolo fondamentale nel supporto alle imprese in questo percorso di sviluppo digitale. Per farlo, è fondamentale una conoscenza approfondita delle imprese stesse, messa a disposizione agevolmente da piattaforme che valorizzano l’intero ecosistema di dati e analytics” – commenta Simone Capecchi, Executive Director di CRIF.

Consulenza alle PMI

Sei interessato a seguire uno dei miei corsi di E-commerce?
Hai un progetto di e-commerce in partenza e hai bisogno di consulenza?
Hai già un sito e vorresti scoprire come sta andando?
Contattami! Specificando a cosa sei interessato