Foodu, supermercato online partecipativo

Foodu, piattaforma food-tech nata a Bari per rivoluzionare il rapporto tra consumatori e filiera di distribuzione alimentare, ha lanciato il primo supermercato online partecipativo dove la qualità dei prodotti è certificata direttamente dai consumatori che propongono e decidono cosa mettere in vendita.

Così si diventa “approver”. E se quel tipo di alimento è di nostro gusto, potrà essere acquistato da altri su Foodu.

Indice

Foodu: eCommerce online partecipativo

Supermercato online
Chiunque può unirsi alla community di Foodu: esperti indipendenti ne valutano la qualità, mentre un gruppo di consumatori, veri e propri clienti speciali, chiamati Approver, testano in anteprima i prodotti a prezzi scontati, valutando il gusto. Solo se il prodotto è sano e anche buono, allora viene messo in vendita per tutti su Foodu https://www.foodu.it/ Chi diventa approver potrà ricevere un compenso, sotto forma di ticket da reimpiegare all’interno del marketplace, per aver dato il proprio contributo. In tutta Italia oggi sono oltre 4.000 gli assaggiatori, in 57 categorie alimentari disponibili e oltre 35.000 i test assaggi effettuati in 2 anni. Il modello Foodu, come ha evidenziato la CEO Antonella Fasano, è fondato sui tre pilastri:
  • salubrità
  • sostenibilità
  • filiera
Obiettivo ridurre le distanze tra produttore e consumatore. Ad oggi, la stragrande maggioranza dei piccoli e medi produttori immette sul mercato i propri prodotti senza farli testare preventivamente dai consumatori. Secondo stime recenti, ogni anno l’80% di nuovi prodotti alimentari lanciati sul mercato fallisce perché non vengono testati dai consumatori e, per lo stesso motivo, il 45% degli stessi non risulta profittevole per le aziende.Per questo si vuole spingere sempre più aziende ad avvalersi della figura dell’approver.

Lo shop online sarà sia B2B che B2C

Foodu ha implementato sia una linea B2C che B2B, con una piattaforma di consumer science digitalizzata a servizio dei produttori. Per quanto riguarda il B2B, come spiega la CEO Antonella Fasano, una volta consultato il sito, un componente dello staff contatterà l’azienda per capire se Foodu può aiutarla a migliorare i propri prodotti, packaging o idee. Quindi verrà avviata una ricerca tramite gli approver. Se il prodotto piace, si andrà a creare una partnership commerciale, altrimenti si proverà a cercare una soluzione al problema.

Ad oggi Foodu ha coinvolto più di 200 aziende in una fase iniziale di validazione, soprattutto nazionali.

Consulenza alle PMI

Sei interessato a seguire uno dei miei corsi di E-commerce?
Hai un progetto di e-commerce in partenza e hai bisogno di consulenza?
Hai già un sito e vorresti scoprire come sta andando?
Contattami! Specificando a cosa sei interessato






    Quanto fa 5 x 6