Intelligenza artificiale, il Garante della privacy blocca ChatGPT

Il 30 marzo il Garante italiano per la privacy ha disposto il blocco di ChatGPT, il più noto tra i software di intelligenza artificiale relazionale in grado di simulare ed elaborare le conversazioni umane, fino a quando non rispetterà la disciplina sulla riservatezza.

Con proprio provvedimento a effetto immediato, l’Autorità ha limitato provvisoriamente il trattamento dei dati degli utenti italiani nei confronti di OpenAI, la società statunitense che ha sviluppato e gestisce la piattaforma, apprendo al contempo un’istruttoria.


La company ha tempo fino al 20 aprile per comunicare le misure adottate in attuazione a quanto richiesto dal Garante, pena una sanzione fino a 20 milioni di euro o fino al 4% del fatturato annuo.


OpenAi ha dichiarato di aver disabilitato ChatGpt per gli utenti in Italia su richiesta del Garante.

Indice

Le contestazioni

La vulnerabilità di ChatGpt è emersa lo scorso 20 marzo quando, a causa di un problema tecnico, è stata mostrata non solo la cronologia delle domande degli utenti, con i loro dati, ma anche parte dei dettagli sui metodi di pagamento usati per l’abbonamento a ChatGpt Plus, che offre funzionalità extra.

Ora l’Autorità ha aperto un’istruttoria contestando la raccolta illecita dei dati degli utenti italiani e ha disposto la limitazione provvisoria del loro trattamento da parte di OpenAI, fino a quando la normativa sulla privacy non verrà rispettata. Si tratta del primo intervento a livello mondiale di questo tenore.

Diverse le contestazioni mosse. Il Garante rileva la mancanza di una informativa agli utenti, ma soprattutto l’assenza di una base giuridica che giustifichi la raccolta e la conservazione massiccia di dati personali. Tanto più che le informazioni fornite da ChatGpt non sempre corrispondono al dato reale, determinando quindi un trattamento di dati personali inesatto.

Il garante tutela i più giovani

Nonostante il servizio sia rivolto ai maggiori di 13 anni, l’Autorità evidenzia come l’assenza di qualsivoglia filtro per la verifica dell’età degli utenti esponga i minori a risposte assolutamente inidonee rispetto al loro grado di sviluppo e autoconsapevolezza.

La risposta

OpenAI deve comunicare entro 20 giorni le misure intraprese in attuazione di quanto richiesto dal Garante, pena una sanzione fino a 20 milioni di euro o fino al 4% del fatturato globale annuo.

Cosa succede agli altri algoritmi?

Il Garante della privacy valuta le prossime mosse nel settore dell’intelligenza artificiale e dell’uso dei dati personali da parte degli algoritmi. In particolare se anche altre intelligenze artificiali generative presentano gli stessi profili di privacy che hanno fatto scattare l’istruttoria a carico di ChatGPT.

Consulenza alle PMI

Sei interessato a seguire uno dei miei corsi di E-commerce?
Hai un progetto di e-commerce in partenza e hai bisogno di consulenza?
Hai già un sito e vorresti scoprire come sta andando?
Contattami! Specificando a cosa sei interessato






    Quanto fa 3 + 5