L’Allarme della NRF: La Frode sui Resi Online Supera i 100 Miliardi di Dollari

Il fenomeno delle frodi legate ai resi di prodotti acquistati online sta diventando sempre più preoccupante, con stime che superano i 100 miliardi di dollari. La National Retail Federation (NRF), l’organizzazione commerciale più grande al mondo con quasi 4 milioni di membri, ha messo in guardia contro questa pratica sempre più diffusa, soprattutto in seguito ai dati raccolti durante il periodo natalizio.

Indice

Tra Innovazione e Inganno: Il Doppio Volto dei Resi Online

Questa tipologia di truffa, nota come “truffa dei resi“, coinvolge l’acquisto di articoli nuovi, spesso di lusso o di marca, che vengono poi restituiti al venditore utilizzando scuse ingannevoli. I truffatori, approfittando delle politiche di reso flessibili offerte dai maggiori e-commerce, sostituiscono l’articolo originale con imitazioni di bassa qualità, oppure, nei casi più gravi, con scatole piene di materiali irrilevanti come sassi o mattoni.

La NRF avverte che dietro a queste frodi non vi sono solo organizzazioni criminali ma anche singoli consumatori, che cercano di trarre vantaggio dai processi di restituzione per ottenere prodotti gratuiti. Il 2024 potrebbe registrare un picco in questa pratica fraudolenta, con previsioni che indicano il ritorno di circa il 15% dei prodotti acquistati durante le festività, per un valore complessivo di 148 miliardi di dollari, di cui il 17% potrebbe essere attribuito a resi fraudolenti.

Identificare e Prevenire: La Battaglia Contro le Frodi sui Resi

La sfida nell’individuare le frodi sui resi è amplificata dalla mancanza di un database centralizzato che registri gli abusi nel processo di restituzione. Soups Rnjan, fondatore della società “Sardine“, specializzata nella prevenzione delle frodi finanziarie attraverso l’uso di tecnologie basate sull’intelligenza artificiale, evidenzia la difficoltà di rilevare tali frodi con i dati limitati a disposizione degli e-commerce.

E-Commerce sotto Assedio: Le Frodi sui Resi Mettono in Ginocchio i Venditori

I venditori online e i marketplace si trovano in una posizione particolarmente delicata, dato che per costruire fiducia con i loro clienti sono spinti ad offrire politiche di reso vantaggiose. Tuttavia, questo li rende vulnerabili alle frodi, specialmente quando i rimborsi vengono emessi prima della verifica effettiva dei prodotti restituiti. In alcuni casi, il processo di reso viene automatizzato, rendendo ancora più semplice per i truffatori ottenere un rimborso senza che il prodotto sia stato effettivamente controllato.

La situazione si complica ulteriormente nel periodo post-natalizio, quando i volumi elevati di resi rendono quasi impossibile per i venditori verificare ogni singolo articolo restituito. Di fronte a questo problema crescente, la NRF non esclude la possibilità che in futuro si possa assistere a un ritorno alle politiche di reso più restrittive, con la necessità di effettuare le restituzioni direttamente in negozio.

Conclusioni

La lotta contro le frodi sui resi online richiede una strategia complessa che includa tecnologie avanzate, politiche di reso equilibrate e, forse, una revisione del modello di business dell’e-commerce per proteggere sia i venditori che i consumatori onesti.

Consulenza alle PMI

Sei interessato a seguire uno dei miei corsi di E-commerce?
Hai un progetto di e-commerce in partenza e hai bisogno di consulenza?
Hai già un sito e vorresti scoprire come sta andando?
Contattami! Specificando a cosa sei interessato






    Quanto fa 6 + 6